Navigazione veloce
I.I.S. “Luca Signorelli” - Cortona > Alternanza Scuola-Lavoro (PCTO)

Alternanza Scuola-Lavoro (PCTO)

L’Alternanza Scuola-Lavoro, la cui denominazione a seguito dell’Art.57, comma 18 della Legge di BILANCIO 2019 è stata rinominata P.C.T.O., è una modalità didattica innovativa, che attraverso l’esperienza pratica aiuta a consolidare le conoscenze acquisite a scuola e testare sul campo le attitudini di studentesse e studenti, ad arricchirne la formazione e a orientarne il percorso di studio e, in futuro di lavoro, grazie a progetti in linea con il loro piano di studi.
Il nostro Istituto, da anni sensibile ai rapporti con il mondo delle Imprese e con le Istituzioni del territorio, considera l’Alternanza Scuola-Lavoro un’attività essenziale per il curricolo dei propri studenti e le assegna una forte valenza formativa.

L’alternanza scuola lavoro è entrata nel nostro sistema educativo con la legge 28 marzo 2003, n.53, che all’articolo 4 la prevedeva come possibilità di arricchimento nei percorsi curriculari del secondo ciclo di Istruzione.
La nostra scuola, in particolare il Tecnico Economico e il Professionale, già da molti anni praticavano questa metodologia didattica, sotto forma di Stage, con ottimi risultati. Anche per il Liceo classico è da diversi anni che progettiamo percorsi adeguati.
Quindi la legge 107/2015 (commi dal 33 al 43 dell’articolo 1), con cui l’ASL diventa obbligatoria in ogni curriculum del triennio finale delle suole secondarie superiori non ci ha preso alla sprovvista, ma ha comunque richiesto un impegno collettivo per rendere conforme tutta l’attività di ASL, dalla progettazione alla valutazione. I percorsi di ASL sono diventati, a livello di politica scolastica, lo strumento principale con il quale perseguire le competenze sia curriculari che di cittadinanza, in sinergia con il territorio.
La legge di Bilancio 2019 ha disposto la ridenominazione dei percorsi di alternanza scuola lavoro di cui al decreto legislativo 15 aprile 2005, n. 77, in “percorsi per le competenze trasversali e per l’orientamento” (d’ora in poi denominati PCTO) e, a decorrere dall’anno scolastico 2018/2019, sono attuati per una durata complessiva rideterminata in ragione dell’ordine di studi (licei, istituti tecnici e istituti professionali) nell’arco del triennio finale dei percorsi.

Cosa sono i PCTO

Modulistica


 

SCHEMA DEI PERCORSI PER LE COMPETENZE TRASVERSALI E L’ORIENTAMENTO (PCTO) NEI VARI INDIRIZZI:

 

LICEO ARTISTICO MINIMO 90 ORE NEL TRIENNIO
Classe terza – percorso curriculare di circa 20 ore (formazione sulla sicurezza nei luoghi di lavoro, incontri con esperti, visite ad istituzioni culturali o museali, ricerca sul campo, stage)
Classe quarta (non ancora attivata) – percorso curriculare e anche in periodi di sospensione dell’attività didattica di circa 60 ore (incontri con esperti, visite ad istituzioni culturali o museali, ricerca sul campo, simulazione d’azienda, stage)
Classe quinta (non ancora attivata– percorso curriculare di circa 10 ore (incontri con esperti, visite ad istituzioni culturali o museali, ricerca sul campo)

 

ISTITUTO TECNICO ECONOMICO (Indirizzo AFeM e Turismo) MINIMO 150 ORE NEL TRIENNIO:
Classe terza – percorso curriculare e anche in periodi di sospensione dell’attività didattica, di circa 20 ore (formazione sulla sicurezza nei luoghi di lavoro. incontri con esperti, visite aziendali, simulazione d’azienda, ricerca sul campo, stage)
Classe quarta – percorso curriculare e anche in periodi di sospensione dell’attività didattica di circa 100 ore (incontri con esperti, visite aziendali, ricerca sul campo, azienda simulata, stage)
Classe quinta – percorso curriculare di circa 30 ore (incontri con esperti, visite aziendali, azienda simulata, ricerca sul campo)

 

ISTITUTO PROFESSIONALE PER I SERVIZI PER LA SANITA’ E L’ASSISTENZA SOCIALE MINIMO 210 ORE NEL TRIENNIO:
Classe terza – percorso curriculare e nei periodi di interruzione dell’attività didattica di circa 30 ore (formazione sulla sicurezza nei luoghi di lavoro, incontri con esperti, sopralluoghi nelle strutture ospitanti socio-sanitarie, ricerca sul campo, stage)
Classe quarta – percorso curriculare e anche in periodi di sospensione dell’attività didattica di circa 110 ore (incontri con esperti, sopralluoghi nelle strutture ospitanti socio-sanitarie, simulazione d’azienda, ricerca sul campo, stage)
Classe quinta – percorso curriculare di circa 70 ore (incontri con esperti, sopralluoghi nelle strutture ospitanti socio-sanitarie, simulazione d’azienda, ricerca sul campo, stage)

 

L’alternanza potrà

  • essere svolta anche all’estero
  • durante il periodo di sospensione delle attività didattiche
  • con la modalità di impresa formativa simulata

 

CONVENZIONI E PATTI FORMATIVI

Vengono stipulate Convenzioni con Imprese private e pubbliche (Aziende di svariati settori,Studi professionali, musei, cooperative, Comuni, ecc..) per lo svolgimento dell’attività di Alternanza, ed un Patto formativo. E’ stato fornito ad ogni studente un “Libretto dell’Alternanza” personalizzato. Sono state individuate le competenze trasversali  e realizzata una nuova attestazione che le contiene e  specifica quelle conseguite in relazione al percorso personalizzato

 

MONITORAGGIO E VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE

Tutti i percorsi sono monitorati costantemente e durante il mese di luglio vengono inseriti , in tutte le loro parti, nel portale del SIDI.

Al termine del Percorso, vengono valutate le competenze.

 

SICUREZZA NEI LUOGHI  DI LAVORO E VALUTAZIONE DELLE STRUTTURE

L’istituzione scolastica verifica preliminarmente che la struttura ospitante individuata offra un contesto, anche ambientale, adatto ad ospitare gli studenti e risponda ai requisiti richiesti dalla normativa vigente in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro.

Si svolge ogni anno un’attività di formazione in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro (ove necessario, è stata fatta una formazione specifica) quali misure generali di tutela ai sensi dell’art. 15 e 37, commi 1, del D. Lgs n. 81/2008 e successive modifiche e integrazioni. come previsto dall’Accordo Stato-Regioni del 21.12.11.